Russia, sempre più verso il regime

“Ultra-nazionalisti russi cercano di picchiare Peter Tatchell, veterano del partito dei diritti gay britannico”

Sempre meno democratica la vita nella Russia di Putin. L’ultimo episodio è di alcuni giorni fa quando diversi attivisti per i diritti degli omosessuali sono stati arrestati a Mosca, mentre la manifestazione del Gay Pride è stata vietata. C’era anche il deputato di Rifondazione Comunista Vladimir Luxuria che è stata oggetto di lancio di uova e pietre, mentre numerosi manifestanti sono stati violentemente picchiati sotto gli occhi della polizia locale. Le forze dell’ordine, invece di bloccare gli aggressori, ridevano e scherzavano ed anzi hanno arrestato alcuni esponenti del Gay Pride tra cui l’eurodeputato dei radicali Marco Cappato, tenuto dietro le sbarre per 5 ore senza una motivazione e rilasciato, grazie all’intervento della nostra ambasciata, senza nemmeno le dovute scuse. Ottavio Marzocchi, radicale e funzionario al Parlamento Europeo, è stato quello che ha avuto la peggio negli scontri riportando alcune ferite al volto. L’intento dei manifestanti era di consegnare una lettera al sindaco di Mosca Yury Luzkhov firmata da 50 parlamentari europei, in cui si ricordava che l’articolo 11 della Convenzione europea dei diritti umani, sottoscritta anche dalla Russia, enuncia il diritto di manifestare il proprio pensiero. La manifestazione del Gay Pride, infatti, non è stata mai autorizzata dal Governo nè dall’Amministrazione comunale e per questo erano giunti da diverse parti d’Europa per chiedere il rispetto dei diritti. Ma a Putin, si sa, non è gradito alcun tipo di opposizione. Bastonate e violente repressioni per chi non si adegua all’ortodossia russa, altro che democrazia. Chi vuol essere controcorrente rischia la vita e gli omicidi dei giornalisti o gli arresti dei dimostranti ne sono cruda testimonianza. Verso il regime, dunque, in un Paese dove appena 14 anni fa l’omosessualità veniva considerato un reato e punito col carcere! Roba da terzo mondo! A quasi vent’anni dal crollo del muro di Berlino c’è ancora tanto da fare per vedere il popolo russo libero di esprimersi, di manifestare, di denunciare…di agire!

Annunci
Published in: on 28 maggio 2007 at 20:59  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://informandonline.wordpress.com/2007/05/28/russia-sempre-piu-verso-il-regime/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: