Abete deciderà sul caso Messina

“Giancarlo Abete, presidente FIGC”

Nemmeno oggi si può ufficialmente conoscere l’epilogo dell’ormai assurda vicenda che interessa il Messina calcio. Il consiglio federale, che si è riunito alle ore 14 (fino alle 17), ha deciso, tra l’altro, i ripescaggi in C1 e C2. Nessuna decisione, però è stata presa riguardo all’adesione al lodo Petrucci per i giallorossi. Ernesto De Carolis ha parlato con il presidente della FIGC Giancarlo Abete fino a qualche minuti prima del consiglio, ma è apparso pessimista. Chiedeva la rateizzazione in 5 anni della fideiussione da 700 mila euro. La risposta, a quanto sembra, è stata un “ni” visto che la federazione potrebbe anche accettare la spalmatura ma avrebbe aumentato la richiesta di ben 300 mila euro. Da versare, quindi, per ripartire con il lodo Petrucci ci sarebbe un milione di euro ! De Carolis la ritiene una cifra eccessiva, vedremo se intanto ci saranno ulteriori incontri.
Il consiglio federale, proprio riguardo il caso Messina, ha deciso che sarà il presidente Abete (in accordo con con i vicepresidenti e i presidenti delle Leghe – Mario Macalli per la Lega Pro e Carlo Tavecchio per la Lega nazionale dilettanti) ha decidere il da farsi. Continua, quindi, l’agonia…anche se per molti le speranze sembrano ridotte ormai al lumicino !

Annunci
Published in: on 31 luglio 2008 at 18:28  Lascia un commento  

Calciomercato, trasferimenti d’élite

“Le principali operazioni andate in porto”

Siamo solo all’inizio, ma i colpi grossi non sono mancati. Ecco i giocatori più importanti approdati a parametro zero…o spendendo parecchie decine di miliardi!
Mellberg (da Aston Villa a Juventus) – Costo: 0 (svincolato)
Flamini (da Arsenal a Milan) – Costo 0 (svincolato)
Vieri (da Fiorentina ad Atalanta) – Costo: 0 (svincolato)
Amoruso (da Reggina a Torino) – Costo: 3 milioni di euro
Fornaroli (da Nacional a Sampdoria) – Costo: 3 milioni (per la comproprietà)
Zarate (da Al Sadd a Lazio) – Costo: 3 milioni (prestito) – in caso di riscatto della Lazio: 17 milioni
Riise (da Liverpool a Roma) – Costo: 5 milioni di euro
Amelia (da Livorno a Palermo) – Costo: 6 milioni di euro
Palladino (da Juventus a Genoa) – Costo: 6 milioni (per la comproprietà)
Nocerino (da Juventus a Palermo) – Costo: 7 milioni di euro
Denis (da Independiente a Napoli) – Costo: 8 milioni di euro
Zambrotta (da Barcellona a Milan) – Costo: 9 milioni di euro
Poulsen (da Siviglia a Juventus) – Costo: 9,5 milioni di euro
Mancini (da Roma a Inter) – Costo: 13 milioni di euro
Gilardino (da Milan a Fiorentina) – Costo: 14 milioni di euro
Muntari (da Portsmouth a Inter) – Costo: 15,5 milioni di euro
Ronaldinho (da Barcellona a Milan) – Costo: 20 milioni di euro
Amauri (da Palermo a Juventus) – Costo: 22.8 milioni di euro

Published in: on 31 luglio 2008 at 14:26  Lascia un commento  

FIGC, riunione il 31 luglio ore 14

“La FIGC metterà la parola fine”

E’ stata confermata per giovedì 31 luglio la riunione del Consiglio Federale presso la sede della Federcalcio in via Allegri, con inizio alle ore 14. Il Consiglio Federale sarà preceduto, alle ore 12, dalla riunione del Comitato di Presidenza.
All’ordine del giorno del Consiglio federale i seguenti punti: approvazione verbale riunione del 18 luglio 2008; comunicazioni del presidente; proposta di modifiche regolamentari ed eventuali provvedimenti conseguenti; nomine di competenza; integrazione organici campionati di I e II divisione 2008/2009 e provvedimenti conseguenti; situazione impianti di gioco ed eventuali provvedimenti; varie ed eventuali.
Mancano quindi poche ore, il verdetto sarà definitivo. Intanto, solo per dare qualche debole speranza ai tifosi giallorossi, i legali del gruppo Cazzaniga hanno negato il ritiro da parte del gruppo. C’è ancora l’interesse, si susseguono le riunioni, vedremo se la fideiussione verrà versata o se, in qualche modo, si troverà un accordo con la Federazione. Domani, alle ore 14, conosceremo la parole fine !

Published in: on 30 luglio 2008 at 23:03  Lascia un commento  

Carabellò, Salerno e La Rosa: l’ultimo tentativo!

“Nicola Salerno, già ds del Messina”

Dopo l’ormai quasi certa rinuncia da parte di Gianmario Cazzaniga a versare la fideiussione di 700 mila euro, già nella nottata di ieri hanno iniziato un frenetico lavoro tre volti noti per il mondo sportivo messinese. Si tratta di Nicola Salerno, Giovanni Carabellò e Ciccio La Rosa. In queste ore stanno incontrando diversi imprenditori locali per reperire i soldi necessari per il lodo Petrucci, anche i capi club sono in contatto con loro per fornire un supporto economico. Il problema, chiaramente, è ancora una volta il tempo, situazione difficile ma non impossibile. Se i soldi dovessero arrivare, però, nascerebbe il problema della società. Lo Sporting Messina fondato da Giuseppe Rodi ha presentato domanda di adesione al lodo entro termini stabiliti, ma formalmente è già nelle mani di Cazzaniga dopo il passaggio di consegne avvenuto ieri mattina. La “cordata del passato” potrebbe quindi affiancarsi all’imprenditore milanese o chiedere un ulteriore passaggio del titolo nelle proprie mani.
Staremo a vedere, nelle prossima ore intanto dovrebbe arrivare un comunicato ufficiale da parte del gruppo Cazzaniga, non si sa ancora di che tenore visto che il gruppo pare aver manifestato interesse ad una possibile dilazione in 5 anni invece che in 10. Ma bisogna capire a questo punto le intenzioni della Federazione, già troppo paziente nei confronti di questa vicenda.
Aggiornamenti nelle prossime ore.

Published in: on 29 luglio 2008 at 17:45  Lascia un commento  

Buzzanca, quante responsabilità…

“Il sindaco di Messina Giuseppe Buzzanca”

Dal sito biancoscudati.it

Al Sindaco di Messina, dott. Giuseppe Buzzanca

Il costituendo Comitato “Zanclon” chiede alla S.V. Ill.ma delucidazioni in ordine alla procedura per l’assegnazione del titolo sportivo, da parte della F.I.G.C., denominata “Lodo Petrucci”.
Dal primo giorno in cui si è avuta notizia della rinuncia, da parte della proprietà del F.C. Messina Peloro s.r.l. a partecipare al campionato nazionale di serie B, infatti, la S.V. – quale istituzione indicata dall’art. 52 c. 6 delle NOIF a dare il parere sulle istanze di ammissione alla procedura de qua – avrebbe potuto (e dovuto, come sempre avvenuto in passato, anche in città meno importanti della nostra, sia da un punto di vista strettamente demografico, sia dal punto di vista delle tradizioni sportive) farsi parte diligente ai fini del reperimento di investitori che potessero richiedere l’assegnazione del titolo di Seconda Divisione (ex serie C2).
Di contro, non soltanto è emerso un Suo apparente disinteresse, al di là di vaghe e non comprovate dichiarazioni, ma abbiamo anche appreso dagli organi di stampa della designazione, quale incaricato alla procedura, del dott. Sergio La Cava, persona molto vicina agli azionisti di maggioranza del F.C. Messina Peloro s.r.l. di cui, nel recente passato, è stato anche dirigente.
Stamane, inoltre, abbiamo notato che l’avv. Gianfranco Scoglio era presente insieme alla S.V. all’incontro con i rappresentanti della c.d. “Cordata Cazzaniga”.
Anche l’avv. Scoglio, recentissimamente, è stato molto legato per ragioni professionali al gruppo aziendale che detiene il F.C. Messina Peloro s.r.l. .
Allo stesso tempo, non abbiamo potuto fare a meno di notare come gli organi di informazione abbiano riferito che tutti i possibili interessati all’adesione al “Lodo”, dopo gli iniziali entusiasmi, si siano misteriosamente, ma inesorabilmente dileguati senza alcuna ragione apparente.
Il tutto senza che si sia registrata alcuna ferma presa di posizione da parte Sua fino ad arrivare a lunedì 21 u.s., quando l’unica dichiarazione rilasciata alle agenzie di stampa è stata quella che definiva impossibile aderire al “Lodo” nei tempi, a suo parere, previsti dalle NOIF.
Il giorno dopo, sosteneva anche che fosse suo dovere quello di verificare la provenienza dei finanziatori, al fine di garantire (addirittura !) l’assenza di eventuali infiltrazioni mafiose.
Infine, è balzato agli occhi il Suo atteggiamento ingiustificatamente pessimista e quasi infastidito di questa mattina (“stiamo giocando una partita persa, siamo fuori termine”), quando la stessa F.I.G.C. Le ha confermato che ancora è possibile accedere alla procedura.
Non è passato neppure inosservato l’atteggiamento dell’avv. Scoglio che ha dichiarato di non voler “svendere” la città con l’affidamento degli stadi, quando le Sue dichiarazioni pubbliche – nel tentativo (invero piuttosto blando) di salvare la serie B – erano improntate al sicuro affidamento delle strutture pubbliche alla dirigenza della (allora) prima squadra cittadina.
Ma non è al passato che vogliamo volgere lo sguardo, quello che è successo nelle ultime settimane è semmai di ulteriore sprone per gli ultimi spasmodici giorni che ci attendono e che La attendono.
Noi riteniamo che la centralità della figura del sindaco nella risoluzione di questa particolare procedura sia palese e confidiamo in una pronta soluzione del problema consapevoli che lei non risparmierà alcuna energia nel cercare di cogliere al volo questa impareggiabile occasione di rilancio per lo sport più amato dai Suoi cittadini che fino a tre anni or sono riusciva a calamitare l’attenzione di 30.000 persone ogni domenica.
Ci è data un’ultima occasione, che arrivi così all’improvviso quando tutti ci eravamo rassegnati all’ineluttabile è un segno, le chiediamo dunque di trattare con la migliore predispozione gli imprenditori che vengono a tendere una mano alla città.
Non è attraverso una logica da azzeccagarbugli che potremo venire fuori dalla buca molto profonda nella quale ci siamo messi.
La Federazione ha dimostrato di tendere una mano al Messina offrendo una proroga, ora Lei è la nostra punta, deve favorire anziché puntualizzare, deve trattare in prima persona e non delegare, deve sciogliere e non riannodare le eventuali problematiche che si dovessero frapporre rispetto al buon esito della vicenda.
Auspichiamo, pertanto, che la S.V. si adoperi con ogni mezzo affinché l’iniziativa possa andare a buon fine, consentendo in tal modo, oltre che una buona chance in ambito sportivo, un ottimo ritorno di immagine per la città e cospicui investimenti sul nostro territorio da parte di imprenditori che, anche al di fuori di un regime di monopolio, hanno fornito ampia dimostrazione di avere grandi capacità.
Questo comitato spontaneo nato dalla passione di molti veglierà sul buon esito di questa vicenda e in caso di esito positivo non lesinerà complimenti a chi si sarà prodigato in favore della città, e – ci consenta – cercherà di tutelare gli interessi di tutti qualora si dovessero riscontrare elementi di poca chiarezza in caso di malaugurato fallimento di questa delicatissima trattativa.

Nel salutarLa, Le auguriamo dunque buon lavoro nell’interesse di tutti.

Published in: on 28 luglio 2008 at 23:01  Lascia un commento  

Brusca frenata, si deciderà il 31 luglio

table border=”0″ width=”150″ align=”right”>

 

 
“Tutto ruota attorno alla gestione degli stadi”

 

Come una doccia fredda è arrivata da Milano una brusca frenata da parte del gruppo milanese interessato a far partire il Messina dalla C2. Gianmario Cazzaniga non ha versato la fideiussione richiesta in lega, ma ciò potrebbe ancora non essere un problema perchè pare che la FIGC abbia rinviato ogni decisione al 31 luglio, quando saranno stabiliti i gironi della serie C, a quel punto la vicenda Messina sarà definitivamente chiarita.
Secondo qualche esponente politico messinese, il problema principale ruoterebbe attorno alla gestione degli stadi. La convenzione che li “regala” ai Franza non è ancora stata revocata nonostante le rassicurazioni di Buzzanca, ma Cazzaniga vuole vederci chiaro e probabilmente attende conferme in questo senso. L’amministrazione, però, fà orecchie da mercante. Inzialmente fissata per oggi, la seduta del consiglio per la discussione (e la revoca) della convenzione è stata rinviata, tutti scappano e nessun politica affronta la questione di petto. Cazzaniga, che non ha certamente problemi finanziari e che potrebbe versare i 700 mila euro richiesti senza alcun problema, resta fermo sui suoi passi e attende che stavolta siano le istituzioni messinesi a farsi avanti. Il sindaco, sin dal primo momento, non ha mostrato entusiasmo per questa operazione, solo pessimismo ! Il gruppo milanese lo ha avvertito, vedremo gli sviluppi delle prossime ore.
Domani, intanto, è atteso un comunicato ufficiale da parte dell’imprenditore

Published in: on 28 luglio 2008 at 20:26  Lascia un commento  

Rateizzazione o versamento integrale ? E’ solo un dettaglio…

“Alle ore 19 di oggi scade il termine per la fideiussione”

Manca poco, sono le ultime ore di trepidante attesa. Alle ore 19 scadono i termini per presentare la fideiussione da 700 mila euro, ma Cazzaniga ha chiesto una rateizzazione. La cordata è molto influente negli ambienti federali. In queste ore in FIGC è presente l’avvicato Carmelo Santoro insieme con Pier Carlo Barberis, responsabile area risorse umane di Sky ed ex dirigente del Milan. E’ probabile che ottengano la rateizzazione richiesta, ma in ogni caso Cazzaniga è comunque pronto a versare interamente la somma entro le ore 19. Ma da buon imprenditore…tentare non nuoce. A dopo per ulteriori aggiornamenti.

Published in: on 28 luglio 2008 at 17:42  Lascia un commento  

Cazzaniga sposa il progetto Messina calcio

“Gianmario Cazzaniga, 46 anni, patron del Messina calcio”

Manca solo l’ufficiliatà, ormai è quasi fatta. Gianmario Cazzaniga, 46 anni, titolare della Iniziativa Sviluppo Group, ha annunciato di essere interessato all’affare Messina. Per aderire al lodo Petrucci, però, i tempi sono ormai ristretto. Lunedì 28 entro le ore 19 deve essere versata la fideiussione da 700 mila euro. Cazzaniga è disposto a versarne immediatamente 200 mila, per gli altri 500 mila chiede una rateizzazione in dieci anni versando quindi 50 mila euro l’anno. Il sindaco di Messina Buzzanca ha inoltrato richiesta di dilazione alla FIGC, vedremo la risposta, anche se tutto ciò appare più una strategia aziendale che una vera e propria intenzione di ottenere qualcosa di concreto.
La sensazione è che Cazzaniga, dopo aver apertamente manifestato l’intenzione di aderire al lodo Petrucci investendo nel Messina calcio, verserà l’intera somma entro i termini previsti, questo è solo un tentativo per sondare gli umori in federazione.
Aspettiamo, intanto i tifosi sono in trepidazione

Published in: on 27 luglio 2008 at 19:38  Lascia un commento  
Tags: