CALCIO, LA SERIA A E TANTI SOLDI

SERIE A, QUANTO VALE OGNI POSIZIONE?

LA TABELLA:
(valori espressi in milioni di euro)
1° posto – 4,5
2° – 4,3
3° – 4,1
4° – 3,8
5° – 3,6
6° – 3,4
7° – 3,2
8° – 2,9
9° – 2,7
10° – 2,5
11° – 2,3
12° – 2
13° – 1,8
14° – 1,6
15° – 1,4
16° – 1,1
17° – 0,9
————
18° – 0,7
19° – 0,5
20° – 0,2

LA CHAMPIONS TI FA RICCO – Questo il valore in euro di ogni posizione. Poi, ci sono i soldi che arrivano dalla partecipazione alle coppe: soltanto partecipare alla fase a gironi di Champion League vale, per un’italiana, circa 8 milioni e 600 mila euro. Cui aggiungere il milione concesso dall’Uefa per ogni gara vinta e i 500 mila euro per i pareggi, oltre a incrementi nelle vendite al botteghino per una cifra che può oscillare tra i 3 e i 4 milioni di euro. Considerando anche il ricchissimo “market pool”, incassi da diritti tv che l’ente del calcio continentale ridistribuisce a fine manifestazione, solo partecipare vale almeno 30 milioni. Per questo arrivare secondi ed evitare la roulette dei preliminari è così importante per il Napoli. Passare anche il turno accedendo agli ottavi garantisce inoltre 3 milioni e mezzo in più, oltre a tanti altri soldi dalle tv: non un caso se la Juventus, a quel punto della manifestazione, aveva già messo a bilancio 42,8 milioni di proventi Uefa.

I SOLDI DELL’EUROPA LEAGUE – E l’Europa League? Mettere piede alla fase a gironi non vale moltissimo, appena 1,5 milioni di euro, ma rispetto al passato dà accesso al market pool televisivo (per la verità in Italia non di altissimo valore), che consente almeno di incrementare le entrate, che crescono passando alla fase ad eliminazione diretta. Incassi tra i 3-4 milioni arrivando ai quarti e 12 vincendo la coppa. Non abbastanza a sistemare i bilanci in rosso, ma sufficiente per pagare qualche stipendio pesante.

PARACADUTE PER CHI SCENDE – Retrocedere invece fa un po’ meno male, grazie al “paracadute” istituito dalla ripartizione diritti tv, che garantisce 15 milioni di euro ai club scesi di categoria ma rimasti in serie A per almeno tre campionati, 10 milioni per chi ci è rimasta due anni e 5 milioni in caso di un anno solo

(Repubblica.it)

Published in: on 1 maggio 2013 at 16:42  Lascia un commento